Merlot CONTE MANDUCA

L’azienda Vitivinicola Conte Manduca nasce a Marsala grazie alla nostalgia della Sicilia da parte di Paolo Buffa che ha doppia cittadinanza, italiana e maltese.
Proprio nella città di Marsala, motivato dalla sua passione per le antiche tradizioni e per l’enologia, egli produce i suoi rinomati vini, utilizzando esclusivamente i vitigni autoctoni e rispettando le metodologie produttive più sane e tradizionali. I prodotti sono difatti contrassegnati dall’Unione Europea con il marchio IGP, per certificarne l’Indicazione Geografica Protetta. Ora ne fanno parte 9 cantine del Marsalese zona eccelsa per i vitigni perché per i venti di terrà e di mare il sapore è unico. L’azienda non è presente sul mercato italiano od europeo, ma per il momento si sta dedicandoa far conoscere questi prelibati vini a paesi più lontani, come USA, Canada, America del sud, Russia, Giappone. 

Il Merlot è un vitigno a bacca nera, il cui nome deriva dalla particolare predilezione che ha il merlo per le sue bacche.
Un vino rosso a Indicazione Geografica Protetta – IGP Sicilia, ottenuto da uve 100% Merlot raccolte a mano che provengono dalla zona pedecollinare.
Parte del vino viene affinato in piccole botti di legno di rovere francese. thumbnail_FullSizeRender

Il colore di questo vino è rosso rubino brillante, intenso e pieno, il tannino morbido ed elegante.
Dal profumo caratteristico del vitigno, con persistenti note di frutti rossi e le leggere note speziate.
Al palato il sapore è vellutato e persistente, fruttato e con accenni speziati che lo rendono ideale per accompagnare grigliate di carne e formaggi saporiti.
Il Merlot Siciliano Conte Manduca è un vino unico nel suo genere che coniuga l’internazionalità e l’eleganza delle sue origini con la tipicità, la purezza e il carattere forte del territorio siciliano e dei siciliani d’occidente: un rosso francese cresciuto a Marsala!

Per conoscere meglio l’azienda e tutti i suoi prodotti:

contemanduca.com

Sileno Riserva di Ferruccio Deiana

 

SILENO

L’azienda vitivinicola Ferruccio Deiana ha la sua sede in località Su Leunaxi nel Comune di Settimo San Pietro, provincia di Cagliari.
Qui vini di alta qualità nascono sotto il sole della Sardegna, grazie alla particolare cura nella lavorazione dei terreni e alla grande attenzione con cui sono state scelte le varietà da impiantare.

Questo Sileno Riserva è la punta di diamante dell’azienda vitivinicola Deiana.
Sileno Riserva è un vino rosso a Denominazione di Origine Controllata, – Cannonau di Sardegna, ottenuto da uve 100 % Cannonau.
Ottenuto dal vitigno autoctono cannonau, affinato in acciaio e dieci mesi in botti di rovere per esaltare il massimo delle sue caratteristiche, per questo occupa un posto d’onore nella produzione vinicola isolana.

img_8816

Vino della tradizione di Sardegna, di colore rosso rubino intenso, dai sentori di more, carruba, liquirizia.
Con profumi intensi di frutti di bosco maturi con piacevoli note tostate di legno e spezie.
Al palato si presenta caldo e rotondo, sapido e persistente.
Accompagna perfettamente arrosti importanti di carni rosse, cacciagione, formaggi stagionati e salumi.
Posso confessare che per me è la migliore etichetta che ho potuto assaggiare di Ferruccio Deiana, un vino che riempie il palato e soddisfa tutti, anche i più esigenti!

img_8817

Il Sileno Riserva si differenzia dal Cannonau Sileno normale dalle etichette (etichetta nera per il Riserva, bianca per il normale Cannonau) e perché viene Affinato in acciaio e dieci mesi in botti di rovere.
Un vino da competizione, che ha vinto tra gli altri, la medaglia Decanter Bronze per Asia Wine Awards 2016.
E proprio ora, a Vinitaly 2017, Sileno Riserva 2012 ha ricevuto anche il Premio Palunele 2017 come 1° Classificato!

Per conoscere questo vino vi consiglio di dare un’occhiata

al sito web dell’azienda:

ferrucciodeiana.it

untitled-design-1

 

Nero D’Avola CONTE MANDUCA

L’azienda Vitivinicola Conte Manduca nasce a Marsala grazie alla nostalgia della Sicilia da parte di Paolo Buffa che ha doppia cittadinanza, italiana e maltese.
Proprio nella città di Marsala, motivato dalla sua passione per le antiche tradizioni e per l’enologia, egli produce i suoi rinomati vini, utilizzando esclusivamente i vitigni autoctoni e rispettando le metodologie produttive più sane e tradizionali. I prodotti sono difatti contrassegnati dall’Unione Europea con il marchio IGP, per certificarne l’Indicazione Geografica Protetta. Ora ne fanno parte 9 cantine del Marsalese zona eccelsa per i vitigni perché per i venti di terrà e di mare il sapore è unico. L’azienda non è presente sul mercato italiano od europeo, ma per il momento si sta dedicandoa far conoscere questi prelibati vini a paesi più lontani, come USA, Canada, America del sud, Russia, Giappone. 

Il Nero D’Avola è il Vitigno principe fra i rossi autoctoni siciliani, un vino rosso a Indicazione Geografica Protetta – IGP Sicilia, ottenuto da uve Nero d’Avola in purezza.
Le uve, raccolte a mano in cassette, vinificano a contatto con le bucce per almeno dieci giorni, per estrarre colore e tannini morbidi.
FullSizeRender[1]

Il Nero d’Avola si presenta alla vista di un gradevole rosso rubino intenso con piacevoli riflessi violacei.
Rivela al naso profumi fini e complessi con persistenti note di frutti a bacca rossa, spezie e vaniglia.
In bocca è vellutato, fruttato e con accenni speziati. Grandi l’intensità e la persistenza, che lo rendono adatto ad accompagnare i più grandi piatti della cucina, come carni rosse, formaggi stagionati o pasta con sughi saporiti.
Io l’ho abbinato a degli spaghetti con sugo alla Gricia e si è sposato perfettamente al palato.

Per conoscere meglio l’azienda e tutti i suoi prodotti:

contemanduca.com

Vino Ajana di Ferruccio Deiana Azienda Vitivinicola

Ajana

L’azienda vitivinicola Ferruccio Deiana ha la sua sede in località Su Leunaxi nel Comune di Settimo San Pietro, provincia di Cagliari.
Qui vini di alta qualità nascono sotto il sole della Sardegna, grazie alla particolare cura nella lavorazione dei terreni e alla grande attenzione con cui sono state scelte le varietà da impiantare.

Ajana è il top di gamma della cantinaun vino rosso a Indicazione Geografica Tipica – Isola dei Nuraghi, ottenuto da uve Cannonau, Carignano e Bovale. Ottenuto attraverso la scrupolosa tecnica di macerazione cui segue un affinamento in barriques per 18 mesi.

img_8813

Di un bel rosso rubino, tendente al granato, rivela al naso profumi fini e complessi di piccoli frutti a bacca rossa maturi, di confettura, di spezie pregiate e balsamiche.
E’ il vino ideale per chi ha buon gusto e ama i veri vini di alta qualità.
In bocca è pieno e morbido, caldo e di grande struttura, fine ed elegante; grandi l’intensità e la persistenza, che lo rendono adatto ad accompagnare i più grandi piatti della cucina.

img_8814

Un vino da competizione, che non solo ha vinto la medaglia Decanter Bronze per Asia Wine Awards 2016, ma è uno dei vini più premiati, che negli anni scorsi ha preso 3 bicchieri nella guida vini d’italia del gambero rosso, quest’anno invece 4 stelle nella guida del Touring Club “vini buoni d’italia 2017” (cliccare QUI per leggere l’articoloe che non smette mai di ricevere premi.

Uno degli aneddoti su questo magnifico vino racconta  che una magnum di Ajana e’ stata regalata a Max Pezzali da un suo amico, che e’ andato a ritirarla proprio in cantina, per il suo marimonio. Insomma, Ajana è un’etichetta che si regala per occasioni importanti…e quale occasione piu’ importante di un matrimonio di una star?

Io consiglio di abbinarlo ad arrosti importanti di carni rosse, cacciagione, formaggi stagionati e piccanti; ma sa essere anche un elegante vino da assaporare da solo.
Sono una vera amante dei vini rossi e questo ha tutta mia ammirazione!

Per conoscere questo vino vi consiglio di dare un’occhiata al sito web del’azienda:

ferrucciodeiana.it

untitled-design-1

 

Azienda Agricola Fratelli Pavia, vini della tradizione Piemontese

img_8567

L’Azienda Fratelli Pavia nasce da una lunga tradizione familiare nella viticultura. Oggi siamo alla terza generazione, Cesare e Michele sono entrati in azienda raccogliendo la passione e lo spirito per il lavoro dei padri, la conduzione familiare permette il controllo completo del ciclo di produzione, dal vigneto alla cantina, sempre con l’intento di realizzare produzione limitate, che rispecchino l’andamento della stagione, e che siano la massima espressione del territorio.

Grazie alla gentile collaborazione con questa azienda ho potuto assaggiare 3 diverse varietà di Barbera d’Asti, uno più squisito dell’altro!

  • BARBERA D’ASTI COLLINA DEL PRETE, di un bel colore rubino, tendente al granato e i profumi sono vivi e freschi. In bocca offre grande struttura, buona aciditá e un finale fruttato di grande persistenza. Ottimo con piatti saporiti, arrosti, brasati, carni alla griglia e alla brace e formaggi di lunga stagionatura. img_8666
  • BARBERA D’ASTI SAN BERNARDINO, dal colore rosso rubino intenso e che profuma di frutta rossa, cacao e liquirizia dolce. Al palato ha una buona struttura e un finale piacevolmente pulito. Si abbina con piatti saporiti, carni rosse, salumie formaggi stagionati. Consiglio di stapparlo e lasciarlo respirare un paio d’ore per assaporarlo al meglio. img_8581
  • BARBERA D’ASTI CLASSICA, tra questi tre è stato il mio preferito (non che gli altri non li abbia bevuti molto volentieri!). Ottimo da accompagnare un buon piatto di ravioli di carne, carne rossa, salumi e formaggi stagionati. Di un’intenso colore rosso rubino, un profumo meraviglioso ed elegante con note di frutta rossa. Al palato offre una media struttura, con un buon finale e un lieve retrogusto di legno tostato. Adorabilmente squisito! img_8618

Andate sul sito web a conoscere i Fratelli Pavia e i loro vini, non ve ne pentirete!

fratellipavia.com

 

Azienda Agricola Giol, Vini Senza Solfiti Aggiunti, Vegani e Biologici.

img_8570

Dal 1427, nella tenuta Giol, uomini del vino si tramandano esperienza, tradizione e cultura locale del fare vino. Questa antica cantina di straordinario impatto emotivo, è un complesso non intaccato dal tempo che assieme al Castello ed al Parco Storico, suggestiona e sorprende con una cornice di tigli e glicini secolari costeggiati da un ruscello d’acqua sorgiva. 

Oggi Luisa Giol ha il privilegio di essere la proprietaria di questo Paradiso, supportata da Vittorio, suo figlio. Essendo i più antichi produttori esistenti di Prosecco, Verduzzo e Raboso hanno il piacere e la responsabilità di promuovere l’eccellenza di questi vini.

I numerosi e prestigiosi premi internazionali sono la migliore prova del loro rispetto per l’uva ed il vino. Non solo sono i più antichi produttori esistenti di Prosecco ma sono anche i più premiati produttori di Prosecco e Pinot Grigio biologici italiani. Questi sono solo alcuni dei moltissimi premi che hanno ricevuto:

  • Medaglia d’oro, Prosecco Spumante Brut, Millèsime Bio 2016, Monpellier (FR)
  • Medaglia d’oro, Chardonnay, Millèsime Bio 2016, Monpellier (FR)
  • Medaglia d’argento, Merlot Senza Solfiti Aggiunti, Millèsime Bio 2016, Monpellier (FR)
  • Medaglia d’argento, Prosecco Spumante Brut, Mundus Vini- Biofach 2016, Norimberga (DE)
  • Medaglia d’argento, Prosecco Spumante Extra Dry, Mundus Vini- Biofach 2016, Norimberga (DE)
  • Medaglia d’oro, Pinot Grigio, Millèsime Bio 2015, Monpellier (FR)
  • Medaglia d’argento, Prosecco Spumante, Millèsime Bio 2015, Monpellier (FR)
  • Medaglia d’argento, Prosecco Frizzante, Millèsime Bio 2015, Monpellier (FR)

Grazie alla collaborazione con questa splendida azienda, ho potuto avere la fortuna di ricevere ed assaggiare questi tre prodotti:

  • MERLOT SENZA SOLFITI AGGIUNTI, il primo vino che vi voglio presentare, che ha avuto il Certificato di Eccellenza nella Competizione Internazionale “Merano Wine Award 2016”. L’abilità di produrre un vino senza solfiti sta nel creare le condizioni (igiene dell’uve e nella cantina, tempi e temperature di vinificazione, selezione di lieviti poco produttori di solfiti, … ) per le quali se ne formi la minor quantità possibile. In più la scelta del tappo in alluminio (al posto del tappo di sughero) è essenziale per preservare la qualità del vino dopo l’imbottigliamento: minor passaggio di ossigeno, nessun cattivo odore ed è riciclabile all’infinito senza scarti. Questo Merlot si presenta alla vista di un colore rosso rubino, dal gusto armonico ed equilibrato, lasciando un aroma gradevole al palato. Perfetto come vino da tavola per tutti i giorni, ottimo da abbinare con pasta al ragù, secondi di carne, salumi e formaggi freschi. img_8665

Prima di presentarvi le altre due bottiglie assaggiate, vorrei rubarvi un minuto per parlare dei vini Vegetariani e Vegani. Si, perchè non tutti i vini sono vegetariani nè tanto meno vegani. Anzi purtroppo sono pochissimi.

I vini vegetariani sono quelli in cui non si usano prodotti di diretta origine animale, ma dove i derivati del latte e delle uova sono ammessi.

I vini vegani invece sono quelli in cui non si utilizza alcuna sostanza di origine animale.

I vini di alta qualità come questi sono migliori se prodotti senza l’utilizzo di chiarificanti di origine animale. I motivi sono diversi:

  • Hanno profumi più autentici
  • Sono più piacevoli in bocca
  • Sono più digeribili
  • Non creano reazioni allergiche o di intolleranza

L’intera produzione di questa Azienda Agricola è certificata Biologica dal 1993, Vegana e Vegetariana del 2008.

 

  • PINOT GRIGIO è un ottimo vino, uno dei più importanti prodotti dell’azienda Agricola Giol. Dal colore giallo paglierino, ha un gusto molto elegante e delicato. E’ un vino asciutto, equilibrato ed armonico, ideale per accompagnare dei piatti di pesce. Vincitore del Gold Medal alla “Mostra Nazionale dei Vini 2013” e dello Special Award-Lega Ambiente Italia nella categoria “One of 3 best Italian Organic Wine”. img_8663-2
  • PROSECCO BRUT MIRAGE, prodotto di punta dell’azienda, vincitore di davvero numerosi premi: Gran Menzione Vinitaly 2009-2010-2011, Gold Medal & Silver Medal al Millèsime Bio 2009-2016 (Gold Medal nel 2011, Silver Medal nel 2015), Silver Medal al Mundus Vini- Biofach 2012-2014 e tanti altri! Un meraviglioso spumante, dal colore giallo paglierino con riflessi verdognolo. All’olfatto fruttato e con note floreali di glicine e fiori d’acacia. Al palato gradevolmente acidulo e delicatamente secco. Utilizzato per un leggero aperitivo con pinzimonio di verdure miste, perfetto anche per piatti di pesce o più semplicemente per brindisi e dolci. img_8664

Ringrazio molto l’azienda e spero di avervi incuriosito.

Anche perchè sotto le feste non può mancare una buona bottiglia di vino,

che sia da servire a tavola o da regalare.

Andate a visitare il sito web:

GIOLITALIA.IT

Risultati immagini per giol dal 1427

 

 

 

Colle del Bricco, Vini di qualità da generazioni

img_8349

Da generazioni la loro azienda produce uve di qualità, che in passato venivano conferite alle cantine locali. E’ stato il giovane Matteo Maggi che nel 2013, spinto dalla sua passione per il vino e per l’Oltrepò, ha deciso di intraprendere la strada della vinificazione, dando vita ai vini dell’azienda agricola “Colle del Bricco”.

Matteo, segue personalmente con cura e dedizione tutti i processi dalla vigna alla cantina, al fine di carpire il meglio dalle proprie uve e dai vini.

L’azienda Agricola Colle del Bricco è un’azienda che coltiva uve di qualità da generazioni, si trova a Broni, in provincia di Pavia. Ciò che rende unici i vini di questa zona è trovarsi a cavallo di quattro regioni molto diverse tra loro (Lombardia, Piemonte, Liguria ed Emilia-Romagna), che hanno dato caratteristiche uniche a questo lembo di terra e donato sentori introvabili ai vini. Dalla lavorazione delle loro uve nascono 3 varietà di vini diverse che, grazie alla loro collaborazione, ho potuto ricevere per poterli assaggiare:

  • BARBERA STAFILO ottenuta da uve 100% Barbera cresciute su terreni bianco-argillosi e affinata per 12 mesi in acciaio e 5 mesi in bottiglia. Questo vino ammalia nel bicchiere con il suo colore rosso rubino carico. Al naso è un intenso susseguirsi di profumi di ribes e di more intrecciati a sbuffi balsamici. In bocca rivela un tannino presente e una scia di vivace freschezza che persiste nel piacevole finale di arancia rossa.Perfetto da abbinare a formaggi poco stagionati e a ricette a base di selvaggina e carni rosse, io personalmente l’ho abbinato ad una calda e saporita zuppa di cipolle. img_8360
  • RIESLING KHIONE è ottenuto al 100% da Riesling Italico cresciuto su terreni nero argillosi. Si presenta nel bicchiere di un bel colore giallo paglierino. Al naso rivela un profilo olfattivo di ampio respiro, con profumi di mela cotta che si uniscono a note di camomilla e infuso di erbe officinali. Di ottima corrispondenza gusto-olfattiva, in bocca esprime una sapidità accennata e una freschezza corroborante e persistente. A tavola si dimostra incredibilmente versatile, infatti lo si può abbinare indistintamente a piatti a base di verdure, frittate e pesce. img_8348
  • BONARDA MAKEDON, un vino perfetto per ogni occasione! Dal colore rosso porpora, al naso si è pervasi da profumi di ciliegia, more e fragranze di rovo intrecciate a note balsamiche di eucalipto. In bocca rivela una bella freschezza e una interessante persistenza aromatica ravvivata da una leggera frizzantezza. Ottenuto al 95% da uva croatina e al 5% da uva rara, a tavola consiglio l’accompagnamento con piatti a base di carne (dai ravioli ad un arrosto). img_8351

Ringrazio tantissimo l’azienda, sono contenta di aver conosciuto ed aver assaggiato questi buonissimi vini.

Per avere più informazioni cliccate su:

COLLEDELBRICCO.IT

E iniziate a seguirli su Facebook e Twitter!

Colle del Bricco

Vini Piemontesi Tenuta Marchisio

img_6216

L’azienda agricola Tenuta Marchisio produce vini bianchi, rosati e vini rossi direttamente nella sua sede a Castellinaldo, sulle colline piemontesi del Roero, dove la produzione di vino avviene ancora con passione, nel rispetto della natura e delle tradizioni. Nell’azienda vitivinicola Tenuta Marchisio ogni bottiglia di vino viene prodotta esclusivamente con uve coltivate ponendo la massima attenzione alla cura dell’ambiente che accoglie la vigna. La famiglia Marchisio si occupa personalmente di curare ogni filare di Arneis, Dolcetto, Barbera e Nebbiolo come fosse unico, centellinando l’utilizzo di concimazioni, evitando diserbanti e prodotti chimici, ma soprattutto raccogliendo i grappoli con metodi tradizionali e manuali, nel pieno rispetto di ogni singolo tralcio.

Grazie alla gentile collaborazione con l’azienda ho potuto ricevere una selezione dei loro vini:

  • BARBERA D’ALBA FOSSAMARA, da vitigno 100% Barbera, ocolore rsso rubino acceso con tonalità piene e riflessi violacei. Profumo fruttato con fragranza di prugna, di mora, di speziato e di tostato, dal sapore pieno, vigoroso dalla vena acidula sempre evidente. img_6218
  • NEBBIOLO D’ALBA CAPLAVUR. Il nome nebbiolo non è chiaro se derivi dalla tardiva raccolta che porta spesso a vendemmiare nel periodo delle nebbie autunnali, o dalla sua bacca molto scura, appannata (annebbiata). Quel che è chiaro è considerato uno dei vitigni di maggior pregio, adatto per vini da invecchiamento di altissima qualità.Il colore è rosso granato, dal profumo ricco e immediato con percezioni di viola, lamponi e mora arricchite da eleganti tocchi speziati. Alla bocca un sapore ricco e strutturato. img_6221
  • ROERO MONTEGALLETTO, da vigne situate a Castellinaldo, 100% Nebbiolo, matura 12 mesi in botte grande e affina 20 mesi in bottiglia, per una produzione di circa 4.000 bottiglie annue.Mi permetto di dire suisito all’assaggio, perfetto per accompagnare carni e arrosti, personalmente l’ho accompagnato con un aperitivo di formaggi stagionati con marmellate e polpettine di carne. Davvero ottimo!
  • ROERO ARNEIS, dal colore paglierino con riflessi verdognoli. Profumo decisamente fruttato e variegato e sapore secco piacevolmente acidulo. Piacevole come aperitivo si può abbinare con antipasti e primi piatti con condimenti delicati. img_6217-copia
  • LANGHE DOLCETTO, fratello minore del più blasonato Dolcetto d’Alba, il suo sapore secco ed asciutto, con leggero retrogusto amarognolo e le caratteristiche enologiche derivategli dall’ambiente di coltivazione, lo rendono uno dei migliori vini autoctoni da tutto pasto pur prediligendo gli accostamenti con minestre e primi piatti.Servito insieme ad un piatto di psaghetti all’Amatriciana, a dir poco perfetto!
  • SPUMANTE BRUT DECIMO, da vitigni 25% Arneis, 50% Chardonnay, 25% Nebbiolo, da colore bianco e profumo fresco con sentori di rosa gialla, il sapore delicato e persistente, ottimo da servire con antipasti o piatti di pesce e formaggi freschi. img_6220

Io ho adorato questi vini e vi consiglio di dare un’occhiata

al loro sito web di shop online:

TENUTAMARCHISIO.COM

Troverete questi a molte altre varietà di vini!

Tenuta Marchisio

Azienda Agricola Fratelli Aimasso

IMG_5335

L’azienda agricola Fratelli Aimasso si sviluppa nel comune di Diano d’Alba, piccolo centro abitato delle langhe con circa 3000 abitanti. Fondata negli anni ’30 dai bisnonni Lorenzo e Argentina come azienda agricola, negli anni si sono succeduti figli e nipoti, fino ad oggi dove ci sono Luca con lo zio Giuseppe che producono e vinificano quasi l’intera produzione e guardano ad un mercato più ampio e differente che possa scoprire ed apprezzare le qualità di questi vitigni d’eccellenza e dei vini che ne derivano.

Grazie alla disponibilità e alla cortesia di Luca Aimasso, ho potuto ricevere tre dei loro migliori prodotti:

  • BARBERA D’ALBA, prestigioso vino, ricco di colori che richiamano al rubino purpureo; il profumo è ampio e composito, con note fruttate che ricordano la mora, la ciliegia, la fragola e la confettura di frutti rossi e sentori speziati tra i quali la vaniglia. Il sapore, pieno e corposo, attenua la caratteristica di acidità tipica del vitigno. Si utilizzano con successo botti in legno di piccole dimensioni, per conferire al vino morbidezza ed equilibrio di gusto finale. img_5427
  • DIANO D’ALBA,  Il nome del vitigno deriva dalla particolare dolcezza della polpa dell’uva,ma i vini che se ne ricavano sono esclusivamente asciutti e decisamente secchi, caratterizzati da una modesta acidità e da un piacevole retrogusto amarognolo. Ottimo con un piatto di ravioli! Provare per credere! IMG_5337
  • DIANO D’ALBA SUPERIORE PIETRO, Diano D’Alba che con un invecchiamento di almeno 18 mesi lo si può esibire nella tipologia “Superiore”. Questo una delle ultime novità tra i vini superiori dell’azienda, dedicato al figlio Pietro. Non posso che fare i complimenti al produttore per la preziosa dedica (spero di poter assaggiare anche il Barbera D’Alba Superiore Alice) e soprattutto per la qualità di questo vino, un vero asso nella manica! IMG_5338

Sono veramente degli ottimi vini, da bere in buona compagnia accompagnando magari una buona cena od un aperitivo. Vi consiglio di dare un’occhiata al sito web, dove troverete una buona scelta di vini rossi e bianchi. E se siete in zona sono sempre  ben lieti di farvi visitare la loro cantina e di farvi degustare i loro magnifici vini. Visite e degustazioni sempre disponibili anche per gruppi.

AIMASSO.COM