Bella Lodi, la storia dei Formaggi Italiani

IMG_0830

Il segreto dell’azienda Bella Lodi è semplice: basta essere nati in una famiglia da sempre legata all’agricoltura nel cuore della valle padana, dove i prati stabili, seminati per la prima volta nel medioevo dai monaci cistercensi della Abbazia del Cerreto, non sono mai stati arati da allora. In più, un ingrediente fondamentale: il latte, controllato tutto l’anno verificando con gli allevatori l’alimentazione delle bovine, la loro salute e benessere, le condizioni di trasporto di questo “oro bianco” fino alla tavola. E’ solo così, con la garanzia di una azienda dotata di grandi tradizioni nella tecnologia alimentare, che si può gustare un distillato dell’arte casearia italiana.

Grazie alla bellissima collaborzione con l’azienda ho potuto ricevere questi gustosissimi prodotti:

  • BELLA LODI CLASSICO prodotto da un solo antico caseificio che ha più di 100 anni, in un comune del Parco Adda Sud. Colore bianco, con variazioni molto contenute anche in estate; profumo intenso, fragrante; sapore pieno ma non piccante né troppo salato: Bella Lodi, formaggio stagionato dalla crosta nera, nasce dalla grande e radicata tradizione casearia del grana lodigiano. Noi lo abbiamo divorato così in purezza, è buonissimo come fine cena o spezza fame!
  • RASPADURA BELLA LODI dall’antica tradizione al finger food.  Bella Lodi ripropone l’antica tecnica della «raspa», un modo di servire il formaggio presentandolo come sottilissime sfoglie, raschiate con un particolare coltello. Soffice e leggera, si scioglie in bocca, esaltando tutte le caratteristiche del formaggio. L’ho utilizzato per cucinare una torta di verdura e per insaporire un minestrone di verdure, ma il massimo è stato il risotto con salsiccia, vino rosso e mantecato proprio con Raspadura! Che bontà!
  • GRATTUGIATO FRESCO, il formaggio grana senza lattosio e prodotto con latte locale e caglio vegetale, adatto quindi anche ai vegetariani, in cui la tradizione casearia incontra l’innovazione ambientale. Un formaggio eco-sostenibile in cui resta intatto tutto il sapore del buon grana lodigiano con una maggiore attenzione verso il consumatore. Riesce a rendere un semplice piatto di spaghetti al pomodoro un gustosissimo primo piatto di notevole riguardo!

Per altre informazioni e per rimanere aggiornati:

www.bellalodi.it

www.raspadura-lodigiana.it

e le pagine Facebook BELLA LODI e RASPADURA

Logo

Mozzarelle di Bufala di Battipaglia, il vero Oro di Battipaglia!

Il Caseificio “Sorriso del Latte” ha un’esperienza ventennale nel settore lattiero-caseario, sono situati in Battipaglia, nel paese dove nasce la vera mozzarella di latte di bufala.
Il latte fresco di alta qualità, prodotto da allevamenti di bufale, che pascolano nelle zone della piana del Sele, tra i comuni incontaminati di Capaccio e Paestum, arriva ogni giorno al caseificio per essere trasformato insieme alla passione e all’amore dei mastro casari, nell’oro bianco, patrimonio indissolubile della loro terra, e proprio da ciò che nasce il loro marchio “LOro di Battipaglia”. Una chicca che garantisce il rispetto degli antichi sapori, la tradizione dell’artigianalità, il sapore unico e delicato della vera mozzarella, irresistibile al palato di grandi e piccini, dove al peccato di gola diviene inevitabile non cedergli.

Grazie alla gentilissima collaborazione con questo Caseificio ho potuto ricevere delle vere squisitezze!

  • TETTONA DI BUFALA, l’apoteosi della bontà! Un kg di freschissima Mozzarella di Bufala, variante particolarmente accattivante con la forma spiritosa simile ad un seno prosperoso, da qui il suo nome. Talmente buon ache appena arrivata ne abbiamo divorata più di metà per cena! Un’emozione vera mangiare questa “Tettona”. Usata poi per farcire una piadina e sulla pizza fatta in casa. Una fantastica squisitezza! IMG_0393
  • MOZZARELLA DI BUFALA, quella vera e unica che non si trova nei supermercati! Una gustosa e irresistibile tentazione, da affondare il coltello e godere della fuoriuscita del latte fresco. E’ ottima per un pranzo leggero e delizioso, insieme a un buon pomodoro maturo.Ma vi assicuro che è ottima anche in una torta salata con verza e patate e, nemmeno a dirlo, sopra una meravigliosa pizza casalinga!IMG_0418
  • MOZZARELLA DI BUFALA AFFUMICATA, il gusto della mozzarella aromatizzato dal sapore rustico dell’affumicatura naturale della paglia di grano, conferiscono al prodotto la peculiarità della delicatezza avvolta dal suo mantello selvatico e dal suo profumo naturale. Buonissima mangiata in purezza con un’insalata di contorno, ma ottima anche sulla pizza o per mantecare un buon risotto! Un gusto inimitabile! IMG_0386
  • SCAMORZA AFFUMICATA DI BUFALA, grazie al suo gusto intenso e all’affumicatura naturale con paglia di grano esalta ogni piatto in modo unico e speciale, perfetta per mantecare un buon risotto o nel ripieno di  ravioli con la cremosa ricotta di bufala. Io ho insaporito una torta di zucchie e cipolle rosse, con la ricotta fresca di bufala e cucinato penne con zucchine, pomodorini e scamorza… Mai mangiata una scamorza affumicata così fresca e saporita!
  • RICOTTA FRESCA DI BUFALA, gustosa, morbida e cremosa, ottima e deliziosa da mangiare al cucchiaio, in cucina per pietanze dolci e salate il suo gusto dà un tocco in più. Con questa meravigliosa ricotta ho cucinato una buonissima torta salata con zucchine, cipolle rosse e scamorza affumicata a cubetti. La torta salata più buona che abbia mai sfornato! Merito dei prodotti di qualità!

Per conoscere tutti i loro prodotti

e per poterli ordinare  visitate il loro sito web:

mozzarelledibattipaglia.com

Mozzarelle di Battipaglia del Caseificio Sorriso del Latte

Oro di Battipaglia

Biscotti al caffè senza latticini


Oggi ho provato una nuova ricetta, volevo fare qualcosa di dolce ma non troppo pesante. Così ho provato a fare dei biscotti al caffè, senza usare latte e burro. Visto che il risultato è molto buono, vi lascio la ricetta!

Ingredienti:

  • 140 gr farina
  • 60 gr zucchero
  • 1/2 bustina di lievito
  • 1 tazzina di CAFFÈ PURO LaCompatibile
  • 2 cucchiai di olio di semi
  • 1 uovo

In una ciotola versare gli ingredienti secchi e girare. In un’altra sbattere l’uovo e l’olio e poi versare tutto nella ciotola degli ingredienti secchi, amalgamando. Per ultimo versare il caffè poco alla volta, finché l’impasto non risulti morbido. Mettere l’impasto ottenuto nella pellicola trasparente e poi 15 minuti in freezer. Accendere il forno a 180 gradi, rivestire una teglia con carta forno, togliere l’impasto dal freezer, e stenderlo con un mattarello. Prendere uno stampino e creare i biscotti, infornare per 25 minuti.

Ho usato questa ricetta per una nuova collaborazione, con LaCompatibile. L’articolo di questa collaborazione lo leggerete domani (devo finire di assaggiare tutti i caffè che mi hanno inviato!), ma dovevo anticiparvi questa ricetta perchè è proprio veloce e gustosa.

Risotto porri e taleggio

 Vi lascio la ricetta, ma vi avviso che le dosi non saranno dettagliate, vado molto ad occhio per fare questi piatti.

Per 2 persone:

  • 120 gr riso
  • 1 bicchiere di birra (o vino)
  • 1 piccolo porro
  • 1/2 litro di brodo
  • Taleggio (più o meno un etto)
  • Pepe 

Preparare il brodo. Tagliare il porro a rondelle, metterne da parte metà e usare l’altra metà da soffriggere con un po d’olio evo a fuoco basso, stando attenti a non bruciarlo, bagnandolo con un goccio di birra. Quando i porri sono belli morbidi aggiungere il riso, sfumarlo con la birra rimasta e cuocerlo mettendo un mestolo di brodo alla volta fino a cottura ultimata. Alla fine mantecare con il taleggio tagliato a quadratini, nel frattempo rosolare i porri tenuto da parte in un pentolino con dell’odio. Impiattare il riso, mettere sopra i filetti di porro e finire con una bella spolverata di pepe. Buon appetito!

  

La mia prima trippa!!

 Avevamo proprio voglia di qualcosa di diverso e quando ieri all’esselunga abbiamo visto la trippa, mai mangiata ne cucinata, abbiamo detto “Perché no?”

Ingredienti 

  • 500 gr trippa
  • 250 gr di pelati
  • Mezzo litro di brodo
  • Mezzo bicchiere di vino
  • Sedano,carota, cipolla

  

Preparare un bel soffritto tritando sedano, carota e cipolla e metterlo in una pentola con abbondante olio. Soffriggere a lungo e a fuoco basso senza farlo bruciare. Aggiungere poi la trippa, farla rosolare e bagnare con il vino bianco.

 

Lasciarla cuocere finché non è bella asciutta, poi mettere i pelati spezzandoli con le mani.
 
  

Salare e pepare, mettere la pentola sul fuoco più piccolo che avete e lasciarla cuocere per 2 ore, bagnandola con il brodo per non farla asciugare troppo.

 

Passate le due ore l’ho finita con una bella spolverata di parmigiano. L’ho preparata stamattina per poi riscaldarla stasera, ma so che più riposa più è buona!
  

Ci é proprio piaciuta, diventerà uno dei piatti che rifarò volentieri!

Cotechino in crosta con spinaci

  
Ricetta dell’ultimo minuto per la cena di stasera.

Per prima cosa cuocere il cotechino e gli spinaci.

Una volta cotti, basta prendere un rotolo di pasta sfoglia (io avevo tempo e ho impastato ma è lo stesso), stenderla e spennellarla con della senape. Adagiare sopra metà degli spinaci, il cotechino e ricoprirlo con gli spinaci rimasti. Chiudere la sfoglia, spennellare con l’uovo e mettere in forno per una mezz’oretta ( finché la pasta non è bella dorata). Per le proporzioni del cotechino e gli spinaci dipende da quanti siete. Noi siamo in due e ho cotto un piccolo cotechino da 250 gr e 200 gr di spinaci. Buon cenone di fine anno!

  

Albero di Natale con Pasta Sfoglia

img_2446

Un’idea semplice e veloce per questo Natale! Bastano 2 rotoli di pasta sfoglia e per il ripieno quello che piace di più a voi. Io l’ho riempito metà con prosciutto cotto e formaggio e l’altra metà con formaggio e pesto. Questa idea l’ho trovata sulla pagina facebook di Le ridette di Gnam Gnam (diamo il merito a chi ce l’ha!) e qui di sotto trovate il link con il video che spiega come farlo.

Albero di Natale con Pasta Sfoglia

Con i ritagli di pasta sfoglia avanzati dall’albero ho creato degli stuzzichini, con cotto, wurstel, pesto o formaggio.

img_2444

Per tante idee sfiziose per le feste (e anche per dopo le feste) potete fare un passo alla mia pagina di cucina su Facebook, Masterchef Home. Vi aspetto!

Cena Pre-Natale

Iniziamo la settimana di Natale… Mangiando ovviamente! 

Questo il menù di stasera, cucinato tutto da me 😉:

  
Albero di pasta sfoglia, metà ripieno di pesto e formaggio e l’altra metà con prosciutto cotto e formaggio.

  
Crostata salata al salmone e robiola.

  
Salatini misti (fatti con i ritagli di sfoglia dell’albero) ripieni di cotto, würstel, gorgonzola, pesto ecc.

  
Lasagna al ragù 

  
Roselline di mele

  
Biscotti allo zenzero

In più, come antipasto ci saranno tartine (che preparo oggi), prosciutto crudo iberico tagliato a coltello, grissini al rosmarino e tortillas. 

Dopo la lasagna niente secondo… mi è stato chiesto tanto antipasto e direi che possiamo fare a meno del secondo. Ci sarà frutta fresca e secca e un pandoro da aggiungere a gli altri dolci.

Da bere vino rosso e bianco, acqua e chinotto. 

Buona settimana di Natale a tutti, e non preoccupatevi della linea, abbiamo tutto l’anno per stare a dieta! 😉

Torta salata di zucchine

  
Una torta buona e veloce da preparare. Ho tagliato a rondelle due grosse zucchine e passate in padella. Intanto in una ciotola ho sbattuto 2 uova e aggiunto una ricottina da 100 gr e qualche pezzetto di gorgonzola piccante (per togliermelo dal frigo). Ho usato un rotolo di pasta brisè già pronta che ho srotolato nella teglia, ho messo prima le zucchine, poi il composto di uova e formaggi. In forno a 180 gradi per mezz’ora.