Come miele e neve, Siro T. Winter

Risultati immagini per come miele e neve siro winter

ANNO: 2015

PAGINE: 358

TRAMA

«Perché batte il cuore?»
È questa la domanda che Lucia “Lou” Zarda, trent’anni, si è posta per tutta la vita.
Ferita e delusa dopo la fine della storia decennale con Andrea Marini, Lou vive nel suo mondo fatto di colori e tele e di lunghe passeggiate solitarie fino alla spiaggetta che guarda al parco di Seurasaari di Helsinki, divisa tra il lavoro al Museo d’arte contemporanea e il bozzolo sicuro della sua piccola casa.
L’incontro inaspettato con il musicista che vive a pochi passi da lei, l’affascinante e misterioso Vilhelmi Niemi e i suoi verdi occhi di giada getterà mille dubbi su Lou, investendola con un turbinio di nuove emozioni, incertezze e speranze.
La voglia di lasciarsi andare si scontra con l’antica paura di non essere abbastanza.
Scappare o restare rischiando di essere ferita di nuovo?
Lasciarsi amare o rifugiarsi nella solitudine rassicurante?

Un bel romanzo, una storia d’amore ricca di emozioni, intensa, passionale e pura.
Ma non solo questo nella storia, dove troviamo più personaggi ben descritti a cui ci si affeziona subito.
Un’ambienatzione un pò insolita, infatti la protagonista decide di trasferirsi in Finlandia seguendo quello che poi sarà il suo ex fidanzato.
Ma non vi voglio raccontare altro, non mi piace spoilarare un libro come un film, perciò vi dovete fidare se vi dico di leggerlo tranquillamente, vi farà una buona compagnia e quando lo finirete vi mancherà anche un pochino.
Una lettura piacevole e riflessiva, che vi farà divertire, piangere e amare. Complimenti!

Se siete curiosi guardare il Trailer del romanzo:

Per altre info e shop:

amazon.it

Arcobaleno, Banana Yoshimoto

Risultati immagini per arcobaleno banana yoshimoto

ANNO: 2002

PAGINE: 135

TRAMA

Orfana del padre, Eiko vive con la madre e la nonna, proprietarie di un ristorante. Finito il liceo, la giovane decide di trasferirsi a Tokyo e trova un’occupazione in un ristorante indonesiano, l’Arcobaleno. Alla morte delle due donne, si ritrova completamente sola. Per vincere il dolore della perdita, Eiko si concentra completamente sul suo lavoro. Il signor Takada, proprietario dell’Arcobaleno, si dimostra molto solidale e comprensivo con lei e le propone di aiutare la moglie incinta nella conduzione domestica. Questo nuovo impegno, a contatto con un ambiente in apparenza tranquillo, consente a Eiko di riprendersi. Ma presto si accorge di quanto siano orribili i rapporti tra il marito e la moglie, fatti di bugie e tradimenti.

La scrittura di Banana Yoshimoto è come sempre molto semplice pur trattando temi un pò difficili come la morte o il tradimento.
Arricchito di introspezioni psicologiche che non solo portano la donna protagonista ad una crescita interiore, ma permette anche al lettore di riflettere sul suo cammino e di farne parte.
Un libro coinvolgente e piacevole, semplice e delicato che colpisce fin dalle prime pagine.
Ha un modo di scrivere molto diverso dalla maggior parte degli scrittori e questo è proprio il suo bello.
Se la capisci la ami e ti lasci coinvolgere, sennò non puoi immergerti nelle sue storie.
Ho ancora tanti titoli da leggere di questa scrittrice ma spero quest’anno di mettermi a pari con le uscite.

“Per me i veri angeli sono le persone che in certi momenti

compaiono all’improvviso a dare luce alla vita.”

Danny il campione del mondo, Roald Dahl

Risultati immagini per danny il campione del mondo

ANNO: 2015

PAGINE: 125

TRAMA

Il rapporto fra Danny e suo padre è bellissimo, la loro vita nel carrozzone da zingari è quasi idilliaca. Ma ogni tanto negli occhi di quel padre tenero e premuroso, che fa a Danny anche da mamma, si accende un luccichio sospetto: in quel momento Danny sa che egli ha in mente un piano straordinario, un’impresa eccitante, una pazza pazzia.

Ormai il mio amore per questo scrittore è conosciuto, sto leggendo tutti i suoi racconti e me ne mancano davvero pochi.
Una storia molto bella, carica di sentimenti e simpatia.
Sono rimasta colpita piacevolmente per la sua grande semplicità unita ad altrettanta profondità.
Scritto in modo scorrevole, molto chiaro e limpido, come se fosse Danny, il bambino del romanzo a scriverlo.
Lo consiglio, come tutti i libri di Roal Dahl, come storia della buonanotte ai vostri bambini e in particolare letta dai papà che non hanno mai abbastanza tempo per loro di quanto vogliano.

 

Tredici, Jay Asher

Risultati immagini per tredici jay asher

ANNO: 2007

PAGINE: 246

TRAMA

Clay Jensen torna a casa da scuola e davanti alla porta trova un pacchetto indirizzato a lui, ma senza mittente. Dentro ci sono sette cassette numerate con dello smalto blu. Clay comincia ad ascoltare: le ha registrate Hannah Baker, la ragazza di cui Clay è innamorato da sempre. La stessa ragazza che si è suicidata due settimane prima. Hannah ha registrato tredici storie, una per lato, una per ogni persona che in un modo o nell’altro l’ha spinta verso la decisione di togliersi la vita. Ma lui cosa c’entra? Clay è sconvolto, vuole capire fino in fondo, scoprire quale ruolo ha svolto. Per tutta la notte, guidato dalla voce di Hannah, Clay ripercorre gli episodi e i luoghi che hanno segnato la vita della ragazza e che come tante piccole palle di neve si sono accumulati fino a divenire una valanga in-controllabile. Per tutta la notte, con la voce nelle cuffie, Clay si tuffa nei ricordi, nei rimpianti, e si tormenta cercando di capire cosa sarebbe successo se..

Ho scoperto e voluto leggere questo romanzo dopo aver visto il trailer della nuova Serie Tv targata Netflix che inizierà a breve e basata proprio su questa storia.
E’ una lettura molto coinvolgente, un thriller psicologico proprio ben scritto e raccontato e mentre lo leggevo immaginavo già la Serie prendere forma e non vedo l’ora di vederlo anche in Tv.
Una storia infelice ed inaspettata, ma non per questo noiosa, anzi tutt’altro! Più ne leggi (o ascolti in questo caso visto che sono 13 cassette che il ragazzo ascolta) e più vuoi sapere e ne rimani appassionato.
Finisci nel voler bene a questa ragazza, Hanna, e ha essere triste e angosciato per lei che non c’è più (tranquilli non è uno spoiler ma la trama del libro).
Ve lo consiglio, si legge bene e scorrevolmente. Un libro originale che fa riflette molto sul bullismo adolescenziale.

PLAY.

“… uno: ascoltare. Regola numero due: consegnare il

pacco agli altri. Mi auguro solo che nessuna delle due sia

troppo facile per voi.

Una volta che avete finito di ascoltare tutti e tredici i lati

– perché ogni storia ha tredici lati – dovete riavvolgere le

cassette, rimetterle nella scatola e consegnarle alla persona

che viene dopo di voi nel racconto. E tu, fortunato numero

tredici, sei liberissimo di portartele con te all’inferno.”

Un infausto inizio, Lemony Snicket

Risultati immagini per un infausto inizio lemony snicket

ANNO: 2000

PAGINE: 140

TRAMA

Cari lettori,
gli orfani Baudelaire sono graziosi e intelligenti, ma la loro vita, mi spiace dirlo, è piena di sfortuna. Se non sopportate storie contenenti uragani, vestiti che pungono, zuppe di cetriolo fredde, individui repellenti, allora questi libri vi getteranno nel più totale sconforto. È mio triste dovere stare sveglio di notte a indagare su questi tre sventurati giovani, ma se voi preferite dormire sonno tranquilli, vi conviene scegliere un altro genere di libro.
Con il dovuto rispetto,
Lemony Snicket

IN QUESTO PRIMO TREMENDO EPISODIO i tre fratelli diventano subito tre orfani, incontrano l’individuo più viscido e malvagio del mondo, rischiano di perdere tutta l’eredità e sono guardati a vista da un uomo con due uncini al posto delle mani. Siete sicuri di volerlo leggere?

Devo dire la verità, ho scaricato sul mio ebbok reader tutta le serie di questi libri solo dopo aver visto la Serie Tv Netflix che mi è piaciuta molto (ma non ho mai visto il film, lo devo ammettere).
E leggendo questo primo volume mi sono accorta che i produttori della Serie sono rimasti assolutamente fedeli alla storia.
E’ un racconto per ragazzi molto particolare, divertente ed angosciante nello stesso tempo e questo lo rende leggibile a tutte le età.
Questo è solo il primo di una serie lunga ben 13 libri ma che consiglio vivamente a chi vuole approcciarsi a delle storie insolite dove alla fine nulla è davvero quel che sembra.
Questo romanzo è completo di illustrazioni che sono molto ben fatte e rispecchiano a pieno lo stile macabro e triste della storia.

 

Henry Drummond Il dono supremo, Paulo Coelho

Risultati immagini per il dono supremo paulo coelho

ANNO: 2014

PAGINE: 58

TRAMA

Una moltitudine di persone, assetata di saggezza e spiritualità, si raccoglie intorno a un predicatore.
La parola viene data a un giovane missionario seduto fra gli ascoltatori, Henry Drummond, che ha vissuto per alcuni anni in Africa. Henry apre la Bibbia e legge la prima Lettera di San Paolo ai Corinzi.
Al centro dell’epistola è l’amore, che è superiore a tutto, non ha confronto con nessun’altra facoltà dello spirito, neanche la fede, ed è il dono supremo che culmina nell’inno alla carità del capitolo tredicesimo.
A partire dal libro La migliore cosa del mondo del pastore protestante Henry Drummond, Paulo Coelho riflette sul messaggio contenuto nella prima Lettera di San Paolo ai Corinzi.

Un piccolo testo di riflessioni e considerazioni personali dell’autore sull’amore e sul messaggio che scorge nella prima Lettera di San Paolo ai Corinzi.
Nessuna storia particolare, forse mi aspettavo di più ma colpa mia che non avevo letto nè trama e nemmeno delle recensioni ma mi sono buttata a capofitto fidandomi di uno dei miei scrittori preferiti.
Assolutamente d’accordo comunque in quello che scrive, anche se parla molto di Dio e ogni tanto un pò ripetitivo.
Voglio bene a Paulo Coelho ma questo non va messo nell’elenco dei romanzi, ma solo una piccola raccolta dei sui pensieri più religiosi.

“L’Amore è la vera energia della vita.”

Smith & Wesson, Alessandro Baricco

Risultati immagini per smith & wesson baricco

ANNO: 2014

PAGINE: 108

TRAMA

Tom Smith e Jerry Wesson si incontrano non lontano dalle cascate del Niagara nel 1902. Nei loro nomi e nei loro cognomi c’è il destino che mette insieme gli uomini per una impresa. E l’impresa arriva con Rachel, una giovanissima giornalista che vuole una storia memorabile, e che, quella storia, sa di poterla scrivere. Ha bisogno di una prodezza da raccontare e prima di raccontarla è pronta a viverla. Per questo ci vogliono Smith e Wesson, la coppia più sgangherata di truffatori e di falliti che Rachel può legare al suo carro di immaginazione e di avventura. Ci vuole anche una botte, una botte per la birra, in cui entrare e poi farsi trascinare dalla corrente. Nessuno lo ha mai fatto. Nessuno è sceso giù dalle cascate del Niagara dentro una botte di birra. La notizia gira. La gente arriva. Il mondo è pronto. È il 21 giugno 1902. Nessuno potrà mai più dimenticare il nome di Rachel Green. Ma sarà veramente lei a raccontarla quella storia?

Questo libro è la trasposizione di un dramma teatrale scritto da Alessandro Baricco, composto di due atti e ambientato nel 1902 nei pressi delle cascate del Niagara.
E’ esattamente la sceneggiatura dello spettacolo perciò non aspettatevi un romanzo, ma è scritto talmente bene, simpatico e con una storia bizzarra e molto interessante che lo si legge piacevolmente.
Non c’è niente da fare, Baricco è una vera garanzia, una penna fantasiosa ed elegante, che sa scrivere storie di alto livello con idee brillanti.
Ovviamente lo consiglio così come consiglio tutti i suoi romanzi.

“Son qui perchè se mi arrendo questa volta

mi arrenderò tutta la vita.”

Gli assalti alle panetterie, Murakami Haruki

Risultati immagini per gli assalti alle panetterie amazon

ANNO: 2016

PAGINE: 72

TRAMA 

Un gruppo di giovani male in arnese è cosi affamato da decidere di ricorrere agli estremi rimedi: rapinare una panetteria. Non per il denaro, ma per il pane. Quando arrivano però nel negozio scelto “per il colpo” hanno la prima di molte sorprese. Il panettiere non si opporrà in nessun modo all’esproprio, anzi sarà ben felice di dare loro il pane, a patto che facciano una cosa, una cosa molto semplice per lui: ascoltare un brano di Wagner…

Dopo Sonno e La strana biblioteca prosegue la «serie di fuori serie» dei racconti di Murakami illustrati dai piú importanti artisti italiani e internazionali. Questa volta a dare forma e colore alle atmosfere del maestro giapponese è Igort, al secolo Igor Tuveri, illustratore e fumettista attivo dalla fine degli anni Settanta.
Un’idea bizzarra per questo testo breve, magari non proprio la sua migliore storia, ma si legge in pochissimo tempo e le illustrazioni sono molto belle.
Consigliato agli amanti del genere surreale e ai veri fan di Murakami.

 

La scommessa, Antonella Sacco

la-scommessa-cover-2017

ANNO: 2016

PAGINE: 129

TRAMA

Asia è una giovane donna intelligente e battagliera che, insieme al fratello gemello Adriano, gestisce la Puccini System, un’azienda che realizza sistemi basati sull’Intelligenza Artificiale. I due sospettano che qualcuno passi le informazioni sui loro progetti a una ditta rivale. Dato che l’investigatore privato assunto da Adriano non è riuscito a scoprire niente, Asia decide di occuparsi di persona dell’indagine e, per convincere il fratello, lo coinvolge in quello che è sempre stato un gioco fra loro, fino dall’infanzia: una scommessa.
Si fa dunque assumere, con una falsa identità, dall’azienda rivale: ritiene infatti che sia più facile verificare, dall’interno, se davvero c’è un furto di idee ai danni della Puccini System e, in caso, ad opera di chi.
La sua avventura come spia viene però complicata dal fatto che due dei nuovi colleghi, ciascuno a suo modo, dimostrano un interesse nei suoi confronti. Asia comunque non perde di vista lo scopo che si è prefissa e che è per lei più importante di tutto, anche dell’attrazione che scopre di provare per uno dei due. Ma l’attrazione rischia di trasformarsi in qualcosa di più profondo: Asia riuscirà a non lasciarsi coinvolgere e a vincere la scommessa?

Un buon romanzo, che possiamo definire un romanzo rosa con un pò di giallo nel mezzo.
Mi piace molto come scrive Antonella Sacco, non è il primo suo racconto che leggo e la ammiro per riuscire a raccontare sempre una storia completamente diversa dalle altre, senza far mancare nulla a tutti i suoi lavori.
E’ una lettura scorrevole e piacevole, un piccolo libro per passare qualche ora di relax.
Per me questa scrittrice è sempre sinonimo di qualità e si sente tra le righe che ama scrivere e questo rende un romanzo ancora più interessante e coinvolgente.

Complimenti a lei e lo consiglio a tutti voi (sopratutto a tutte voi donne!).

“Asia ripeté: «Scommettiamo?» Poi aggiunse,

sorniona e ironica: «Hai paura di perdere, vero?»”

Per info e shop:

amazon.it

La ragazza delle arance, Jostein Gaarder

Risultati immagini per la ragazza delle arance

ANNO: 2004

PAGINE: 104

TRAMA

Georg Røed ha quindici anni e conduce una vita tranquilla, come la maggior parte dei suoi coetanei. Ma un giorno trova una lettera che suo padre gli aveva scritto prima di morire e che aveva poi nascosto, affinché il figlio la potesse trovare una volta grande. In questa lettera il padre, Jan Olav, racconta la storia della “ragazza delle arance”, una giovane con un sacchetto di arance incontrata un giorno per caso su un tram di Oslo e subito persa. Per Jan è un colpo di fulmine. Georg si appassiona a questo racconto, che si accorge riguardarlo molto da vicino e che pian piano gli svela ciò che è accaduto prima della sua nascita; un racconto attraverso il quale la voce del padre lo raggiunge da lontano facendolo riflettere sul senso della vita.

Un racconto diverso dai classici romanzi, ma è una prerogativa dello scrittore raccontare da angolazioni diverse da altri e de questo che mi piace molto di lui.
Un amore misterioso che mantiene l’attenzione sulle pagine grazie alla sua magia che ti fa sognare.
Una bella idea che non mi aspettavo e che mi ha piacevolmente meravigliata, una storia nella storia, dolcissime e intriganti.
Dello stesso scrittore vi consiglio “Il mondo di Sofia” e il capolavoro “In uno specchio, in un enigma” e solo ora mi accorgo che sono tutti titoli che mi hanno commosso e che mi sono rimasti nel cuore.

“Mi fece un sorriso pieno di calore, e quel sorriso, Georg,

avrebbe potuto sciogliere il mondo intero,

perché se il mondo l’avesse visto

avrebbe avuto la forza di fermare tutte le guerre

tutte le inimicizie del pianeta,

o almeno di interrompere per lungo tempo l’uso delle armi.”